Skip to content

Lavoro a distanza e disturbi mentali

Persona lavora con il suo laptop

La rapida crescita e lo sviluppo senza precedenti del lavoro a distanza (compreso l'home office) ha messo a dura prova l'adattabilità di aziende e dipendenti. Durante le restrizioni della pandemia, i datori di lavoro e le persone con disabilità hanno dimostrato un'incredibile capacità di adattamento.

 

Nuovi ostacoli allo sviluppo della carriera possono essere causati anche dal disadattamento e/o dall'isolamento, per cui è necessaria una maggiore vigilanza da parte di datori di lavoro e colleghi. È inoltre necessario prestare molta attenzione al potenziale impatto dell'home office sulla diversità dei tipi di disabilità e sulle esigenze dei singoli. Di seguito sono riportati alcuni esempi di forme di limitata capacità di lavoro per l'informazione: deficit uditivo, deficit visivo, disabilità motoria, difficoltà cognitiva, disabilità mentale, malattia cronica, disabilità del neurosviluppo, difficoltà cognitiva e disturbi mentali. Approfondiremo quest'ultimo punto nella sezione seguente. 

 

Una definizione

I disturbi mentali si riferiscono a malattie e disturbi di origine molto differenziata che possono causare difficoltà nella vita di una persona, sofferenza o problemi comportamentali. Possono essere permanenti o episodici, lievi o gravi. Si tratta di realtà molto diverse tra loro: Depressione, dipendenza, disturbi legati all'uso di droghe o alcol, ansia, fobie, disturbi alimentari, disturbi schizofrenici, disturbi di personalità, disturbi bipolari o disturbi ossessivo-compulsivi (OCD). La disabilità mentale è riconosciuta in Francia dalla legge dell'11 febbraio 2005 sull'uguaglianza dei diritti e delle opportunità, sulla partecipazione e sulla cittadinanza delle persone con disabilità. Si manifesta durante tutta la vita, a volte già nell'adolescenza. I disturbi mentali di solito non influiscono sulle capacità intellettuali. Tuttavia, possono essere associati a un deterioramento cognitivo (compresi problemi di concentrazione e memoria), alla comprensione dei sentimenti altrui e ad altri sintomi come isolamento, difficoltà di comunicazione o perdita di energia. Una persona ha la possibilità di vivere e lavorare in buone condizioni se il/i disturbo/i è/sono stabilizzato/i.

 

Opportunità e vantaggi dell'home office

Migliora la concentrazione, riduce la stanchezza e lo stress. 

  • Il lavoro a distanza può consentire di adattare le attività a un ritmo appropriato (più tempo per pensare a determinati compiti in tranquillità) 
  • L'ambiente può essere più sicuro con l'home office che con il lavoro faccia a faccia: meno restrizioni normative e formali, possibilità di spegnere la telecamera durante le videoconferenze...
  • Risolvere i problemi di viaggio in caso di trattamenti che controindicano l'uso di un veicolo. 

Mantenere il posto di lavoro migliorando la salute e il benessere 

  • L'ufficio a domicilio con giorni flessibili può rispondere a un'esigenza di evitare i congedi per malattia e l'assenteismo (scelta di giorni di ufficio a domicilio invece di giorni predeterminati, coordinamento dei tempi di lavoro e di cura)

Esigenze e soluzioni suggerite per facilitare l'ufficio a casa.  

  • L'home office dovrebbe prima essere testato per scoprire e discutere con la persona le possibilità e le condizioni di successo.
  • È necessario offrire modalità di contatto regolari e diversificate per evitare l'isolamento e soddisfare le esigenze di assistenza: 
    • Scambi con colleghi, dirigenti, servizi di medicina del lavoro, gestione delle risorse umane (o team multidisciplinari), responsabile della disabilità.
    • Promuovere momenti di condivisione informale, particolarmente utili per prevenire la solitudine quando si lavora da casa.
    • Riconoscere i segnali di debolezza (stanchezza, irritabilità, mancanza di concentrazione, assenteismo, ecc.)
    • Se necessario: proporre un supporto interno o esterno di tipo "job coaching".

Prestare attenzione ai time-out e al rispetto dei tempi di pausa. 

  • Gli orari delle riunioni devono essere rispettati e le pause devono essere programmate, soprattutto per aiutare le persone a mantenere la concentrazione e ad alleviare lo stress mentale. 

 Mobilitare il supporto psicologico di una persona specializzata 

  • Internamente: attraverso l'ufficio risorse umane, il rappresentante per la disabilità, il responsabile della disabilità o i servizi di medicina del lavoro;
  • Esternamente: il sistema di lavoro specializzato accompagnato, i servizi speciali di supporto (PAS) per le disabilità psicologiche, il supporto psicologico attraverso l'assicurazione/fondo sanitario, ecc. 

Uso sicuro degli strumenti digitali

  • Fornire una formazione di sensibilizzazione a tutti i team sui pericoli del mondo digitale (dipendenza, siti web o messaggi dannosi...).

 


Fonti: